Description

Natural Philosophy. TELESIO. De Rerum Natura iuxta propria principia.

TELESIO, Bernardino. De Rerum Natura iuxta propria principia, Liber Primus, & Secundus, denuò editi.Neapoli, Cum Licentia Superiorum, apud Iosephum Cacchium, (Napoli, Giuseppe Cacchi), 1570
In-4to, mm. 214x158; Legatura coeva in pergamena floscia; carte 95, 1 bianca; grande Xilografia al Frontespizio, emblema di Telesio, una donna nuda, illuminata dal sole, circondato da un bordo "mona moi fila", raffigurante la dea della Verità, numerose raffinate iniziali xilografiche. Ottimo stato di conservazione.
Rara ed importante prima edizione. L'opera è un manifesto per la filosofia naturale emancipata dal razionalismo peripatetico: il De Rerum Natura il “De Rerum Natuna” di Telesio costituisce uno dei primi seri tentativi di sostituire la filosofia naturale di Aristotele, e la sua nuova teoria dello spazio e del tempo anticipa il tempo assoluto e lo spazio assoluto di Newton. Il proposito di superare la filosofia di Aristotele è chiaramente dichiarato nel titolo del primo capitolo dell’opera: “La struttura del mondo e la natura dei corpi in esso contenuti non devono essere indagate per mezzo della ragione, com’è stato fatto dagli antichi, ma devono essere percepite con il senso e ricavate dalle cose stesse.” Copenhaver & Schmitt:“ Taken as a whole, the book is a frontal assault on the foundations of Peripatetic philosophy accompanied by a proposal for replacing Aristotelianism with a system more faithful to nature and experience.”Il Frontespizio è ornato dall’emblema del filosofo che ne indica l’antiaristotelismo: una donna nuda, raffigurante la Dea della Verità, in piedi rivolta al sole, con il motto: “Mona Moi Phila”. Adams T292; P. Manzi, La tipografia napoletana nel '500 Annali di Giuseppe Cacchi, Firenze 1974, p. 42 n. 23; Copenhaver & Schmitt, p. 311.
Unito con:
TELESIO, Bernardino. De his, quæ in Aëre fiunt; & de Terræmotibus, Liber Unicus.Napoli, Giuseppe Cacchi, 1570cc. 13, mal numer. 14, 1 c. b.; grande Xilografia al Frontespizio, emblema di Telesio, numerose raffinate iniziali xilografiche. Marca tipografica. al verso della c. 13, con Sansone che sostiene sulle spalle due colonne incrociate. Ottimo stato di conservazione.
Rarissima prima edizione. Importante opera in cui Telesio mostra l’applicazione alla realtà empirica della sua filosofia naturalistica: sono quindi esaminati, evitando l’uso delle categorie aristoteliche, i vapori e il calore che si trovano nell’aria e che danno vita a fenomeni come la grandine, la pioggia, i temporali, i tuoni, i fulmini e infine i terremoti. Il Frontespizio è ornato dall’emblema del filosofo che ne indica l’antiaristotelismo: una donna nuda in piedi rivolta al sole, con il motto: “Mona Moi Phila”. Adams T290; P. Manzi, La tipografia napoletana nel '500 Annali di Giuseppe Cacchi, Firenze 1974, p. 42 n. 24
Unito con:
TELESIO, Bernardino. De colorum generatione opusculum.Napoli, Giuseppe Cacchi, 1570cc. 7, 1 bianca, 2 dedica a Hieronymo Aquevivio; grande Xilografia al Frontespizio, emblema di Telesio, numerose raffinate iniziali xilografiche. Ottimo stato di conservazione.
Rara ed importante prima edizione. Breve opera in cui Telesio espone la teoria naturalista della formazione dei colori. Tiraboschi: “Questo Sistema da lui proposto nella detta sua opera fu da lui svolto ancora in più libri De his, qua in aere fiung, … De Mari, De Colorum generatione, e in altri opuscoli pubblicati dopo la morte di Bernardino da Antonio Persi …” Adams T289; P. Manzi, La tipografia napoletana nel '500 Annali di Giuseppe Cacchi, Firenze 1974, p. 43 n. 25. Tiraboschi, Storia della letteratura italiana … tomo settimo, 1777. Libro II, p. 367
Unito con:
TELESII, Bernardini. De mari, liber vnicus.Napoli, Giuseppe Cacchi, 1570cc. 12, 1; grande Xilografia al Frontespizio, emblema di Telesio, numerose raffinate iniziali xilografiche. Dedica sul frontespizio: Ad illustriss. Ferdinandum Carrafam, Soriani comitem; Carattere corsivo e romano. Ottimo stato di conservazione.
Rara ed importante prima edizione. This treatise on the sea was based on purely empirical knowledge. The work constitutes a corrective to Aristotle and a continuation of his magnum opus on the things of nature, the important second edition of which was printed in the same year, also by Cacchium. The empiricism that Telesio propounds in his novel, empirically based scientific treatises, like the "De Mare", caused him to be to be considered by Francis Bacon "the first of the moderns". Adams T291; P. Manzi, La tipografia napoletana nel '500 Annali di Giuseppe Cacchi, Firenze 1974, p. 43 n. 26.

21 
Aller au lot
<
>

Natural Philosophy. TELESIO. De Rerum Natura iuxta propria principia.

Estimation 7 000 - 10 000 EUR

* Hors frais de vente.
Reportez vous aux conditions de vente pour calculer le montant des frais.

Remportez votre lot au juste prix en passant une enchère automatique !
Notre système se chargera le jour de la vente d'enchérir à votre place, jusqu'au montant maximum souhaité, sans dévoiler ce montant à la maison de vente !
Déposer un ordre
Informations de vente

En vente le mercredi 19 mai - 14:00 (CEST)
Voir le catalogue Consulter les CGV Infos vente

Vous aimerez peut-être

English Bible. London, By Bonham Norton, and Iohn Bill, 1628Bound with: The Booke of Common Prayer. Bound with: Speed, John.The Genealogies. Bound with: Sternhold, Thomas e Hopkins Iohn, The Whole Book of Psalmes, 1628 Magnificent contemporary English binding finely worked on a hazelnut silk background and embroidered with silver and gold wires and wires colored in red and various shades of green. The binding features decorated ornaments, in the middle of each covers there is a beautiful embroidered panel that contains a detailed image of a blessing figure holding an anchor in one hand and in the other cover a figure with a cross in one hand and in the other hand a page; on the spine, ornamental drawings and hourglasses. However, information on the existence of these ancient artifacts should be sought in archival documents, as few specimens have survived the wear and tear of time. The most richly decorated copies were often made for Kings and their families; see, for example, the data sheet of 1623 of the Cambridge library: “for bindige & guildinge ye bookes of verses deliu [er] ed to ye Kinge Prince & Nobles”. Bibles and prayer books often had splendid bindings: the luxuriously embellished covers emphasized the importance of the content and were intended as a gesture of devotion. In 8vo; 170x110 mm. Embroidered binding, gilded edges. Copy entirely "réglée" in red ink. Some signs of wear on the binding. This is a remarkable example of a 17th century embroidered binding in good condition. Bibliography: Davenport, Cyril. English embroidered bookbindings, London, Kegan Paul, Trench, Truibner 1899 The volume contains: The Booke Of Common Prayer.London, By Bonham Norton, and Iohn Bill, printers to the King most excellent Maiestie, 1628 Pages 104. Collation: A-F⁸ G⁴; printed on two columns with Roman characters; This edition has an ornament with burning salamanders.pp. 104- Registro: A-F⁸ G⁴; stampato su due colonne con caratteri romani; Questa edizione ha un ornamento con salamandre in fiamme. Bound with: SPEED, John. The genealogies recorded in the Sacred Scriptvres, according to euery family and tribe.London, By Bonham Norton, and Iohn Bill, Printers to the Kings most Excellent Maiestie, Anno 1628 Pages 40. Collation: A8-B8 C2-D2.The last two pages contain "A description of Canaan and neighboring countries" with a woodblock map in this copy placed to the first work. Bound with: The Holy Bible, Containing The Old Testament, And The Nevv Newly Translated Out Of The Originall Tongues: And With The Former Translations Diligently Compared And Reuised By His Maiesties Speciall Commandement.London, By Bonham Norton, and Iohn Bill, printers to the King most excellent Maiestie 1628 Pages 896. Collation: A8-Z8, AA8-ZZ8, AAA8-KKK8. “New Testament of our Lord and Savior Jesus Christ” has a separate dated title page, the signature is continuous. Apocrypha is included in this specimen.Title printed inside the ornamental border, depicting the symbols of the Twelve Tribes of Israel, the Twelve Apostles and the Four Evangelists. Containing the Old and New Testament recently translated from the original languages: and with previous translations diligently compared and revised.Early english books: STC 1. 1475-1640 Bound with: STERNHOLD, Thomas e HOPKINS, Iohn. The whole book of Psalmes collected into English meeter.London, Printed for the Companie of Stationers, cum privilegio regis regali 1628. Pages 10, 91, 3.The Sternhold-Hopkins metrical paraphrase of Psalms, of which 37 are by Sternhold, 7 by Hopkins, the remainder by others, has been issued under many titles, but is most commonly known as: The whole book(e) of psalm(e)s.

CORNAZZANO, Antonio. De re militari nuovamente con somma diligentia impresso.Firenze, Eredi di Filippo Giunta, 1520 8vo piccolo; 90x148 mm.; leg. del XVIII secolo in piena pergamena rigida, tassello in pelle con titolo in oro al dorso; tagli blu; cc. 183, compreso Front., [1]. Front. con titolo entro cornice architettonica xil., marca tipografica dei Giunti al verso dell’ultima carta, carattere italico. Piccolissimo strappetto al margine superiore della prima carta. Bell’esemplare. Rara e importante prima edizione giuntina. Il Poema, scritto in terzine e diviso in nove libri, fu in questa edizione completamente revisionato e corretto da Bernardo Giunti che lo ricompose in toscano, per le ragioni e con i criteri che lo stampatore stesso spiega nella prefazione che segue il titolo. DBI: “L’Arte militare, tra tutte le opere composte dal Cornazzano a Ferrara, fu sicuramente la più fortunata, redatta originariamente in prosa, fu offerta ad Ercole d’Este in un codice che si conserva presso la Biblioteca Estense… Alla redazione in prosa, il C. fece seguire una in terzine dedicata a Federico da Nontefeltro ed in questa veste il trattato fu stampato per la prima volta nel 1494; ma una larga diffusione gli fu assicurata soprattutto dalla revisione cui lo sottopose Bernardo di Filippo Giunti che, pubblicandolo nel 1520 provvide a dargli veste toscana”Cornazzano, nato a Piacenza intorno al 1430 e morto a Ferrara nel 1483 o 1484, celebre letterato e poeta in latino e volgare, visse a Siena, presso la corte sforzesca, quella di Ferrara e Venezia. Il Frontespizio è in elegante cornice architettonica xilografica. Adams C-2646; Sander 2174.